Salute

Quanto costa devitalizzare un dente ?

Ogni intervento dentistico comporta solitamente un costo elevato. Come la devitalizzare un dente e allora ci chiediamo sempre quanto costa? Non è una risposta semplice perché dipende molto da che tipo di dente che andiamo a trattare. Infatti ogni dente ha un numero di canali diversi. Possiamo dire però che mediamente il costo di un dente a un solo canale varia dagli 80 ai 250 euro. Mentre per la devitalizzazione di un dente a due canali il costo sale dai 160 ai 350 euro. Per i denti che variano da tre a quattro canali siamo intorno i 280 – 450 euro.

Controllo-Dente

Quanto costa devitalizzare un dente in Croazia?

Il fenomeno del turismo dentale è sempre più una realtà. Moltissime persone infatti organizzano viaggi per poter risparmiare su interventi chirurgici ma anche su interventi dentali. Come abbiamo visto i costi in Italia per poter accedere a un intervento dentistico sono molto elevati. Quindi si prova a risparmiare in ogni modo. Ad esempio in Croazia si stima un risparmio di circa il 50%. Il grande dubbio che affligge le persone è il risultato finale. Non essendo il nostro dentista di fiducia come sarà il risultato? Il risparmio vale il rischio? A voi le conclusioni.

Quanto costa devitalizzare un dente e ricostruirlo?

Abbiamo visto quanto costa devitalizzare un dente, ma dopo averlo fatto quanto costa ricostruirlo? La ricostruzione del dente dopo la devitalizzazione si aggira intorno i 150 e i 250 euro. Mentre l’applicazione della capsula è molto più alto. Infatti parliamo di un costo che varia dai 500 ai 1.500 euro.

Devitalizzare un dente

Quando un dente si indebolisce o viene compromesso in qualche modo, diventa facile che si rompa, si incrini, si scheggi o si fratturi. La debolezza del dente può derivare da diverse cause. Può trattarsi di carie, di crepe dovute a una vecchia ferita mai completamente guarita, di un colpo al viso che ha rotto il dente ma non la pelle, o di qualcosa di semplice come mordere una mela con i semi ancora intatti.

L’indebolimento dei denti non è qualcosa che si verifica da un giorno all’altro. Spesso ci sono segni e sintomi che precedono il punto di frattura e che possono essere rilevati solo quando è troppo tardi. Tuttavia, ci sono modi per evitare che un dente indebolito diventi ancora più compromesso. Uno di questi metodi è noto come devitalizzazione del dente.

Un dente indebolito o compromesso deve essere protetto da altre forze che potrebbero comprometterne ulteriormente la forza e l’integrità. Il modo migliore per farlo è rimuovere la polpa interna e il nervo, in modo che non ci sia più il rischio che infezioni o carie raggiungano nuovamente queste aree vulnerabili. Una volta effettuata questa operazione, sarà più facile per noi monitorare e proteggere questi punti deboli per conto vostro, di solito con una corona per motivi estetici.

Protesi-Dentali

Qual è il beneficio della devitalizzazione di un dente?

Innanzitutto, la devitalizzazione di un dente impedisce che si verifichino ulteriori danni o carie. Inoltre, elimina il rischio che un’infezione raggiunga la polpa interna e il nervo del dente, il che può essere estremamente doloroso. Se nel dente è presente un’infezione, i batteri possono risalire la radice e raggiungere l’osso circostante, causandone la rottura e la malattia.

Questo può portare alla perdita del dente. La rimozione del nervo e della polpa facilita inoltre l’identificazione del dente durante la radiografia. Questo può essere molto utile in caso di dubbi sul dente da trattare. Una volta che un dente è stato devitalizzato, spesso è più facile eseguire un trattamento canalare sul dente e restaurarlo con una corona. Questo è particolarmente vero per i denti molari, che sono i denti più comunemente devitalizzati.

Come si devitalizza un dente?

Il primo passo per devitalizzare un dente è la rimozione della polpa dentale. Questa operazione può essere eseguita in diversi modi, a seconda della natura della carie e delle preferenze del dentista. Se la carie è presente alla radice del dente, è probabile che il dente sia infiammato.

Il dentista può decidere di trattare il gonfiore e l’infezione rimuovendo la polpa del dente e pulendo il sistema canalare. Il metodo più comune per rimuovere la polpa è il cosiddetto “occlusione”. Ciò comporta la rimozione della polpa e il successivo inserimento di un tappo di gomma nel foro. La chiusura del foro impedisce che l’infezione rimasta all’interno del dente si diffonda al resto del corpo.

Esami-strumentali-denti

Come si può identificare un dente indebolito?

Ci sono molti segni e sintomi che indicano che un dente si sta indebolendo. Uno dei segnali più comuni è la sensibilità al caldo o al freddo. Questo può verificarsi quando un dente è incrinato o scheggiato. La polpa interna e il nervo del dente possono essere facilmente irritati, provocando dolore e sensibilità.

Durante l’esame approfondito dei denti, il dentista cercherà i fattori che possono rendere i denti più suscettibili ai danni. Questi possono includere smalto consumato, disallineamento dei denti o denti troppo piccoli per la mascella. È inoltre importante che il dentista controlli la salute delle gengive. Le gengive sane forniscono supporto ai denti, ma se si ammalano possono facilmente infettarsi e causare danni ai denti.

Back to top button